Uno, due, tre... SCHIAFFO!

Uno, due, tre… SCHIAFFO!

È capitato a tutti almeno una volta. Se siete dei veri amanti delle serie tv e non siete pacifisti sin nel midollo, la cosa è inevitabile. Stiamo parlando di odiare VISCERALMENTE un personaggio di un programma tv. Eh sì, perché è innegabile che le serie tv ci regalino spesso personaggi meravigliosi, complessi, per cui fare il tifo a gran voce saltellando sul divano, ma non solo: a volte ci regalano anche degli autentici PdM (Pezzi di Merda), o più semplicemente dei personaggi che forse non sono universalmente odiosi, ma che a noi personalmente fanno uscire dai gangheri. In ogni serie tv che si rispetti ce n’è almeno uno, perché non sia mai che uno riesca a stare tranquillo per quei 40 minuti. A volte capiamo subito di trovarci di fronte a un PdM, a volte invece sono più subdoli, nascosti e ci mettono anche una, due stagioni a svelarci la loro vera natura. Presto o tardi, però, LI ODIEREMO. E da quel momento, giù insulti e schiaffi immaginari e soprattutto via a fantasie fin troppo dettagliatte su una loro possibile (e “telefilmica”) morte. Naturalmente spesso gli sceneggiatori, se sono bravi, si divertono a giocare con i nostri sentimenti: così a tutti sarà capitato di dichiarare amore imperituro a un personaggio che fino a tre episodi prima eravamo assolutamente certi di voler gettare dalla finestra, o viceversa. Vi dirò, sostanzialmente sto scrivendo questo articolo a scopo terapeutico. Insomma non esiste ancora uno psicologo apposito per i telefilm-addicted (una carriera da considerare, se mi permettete); non possiamo stenderci su nessun lettino per confessare: “Dottore,  anche questa notte ho sognato di prendere a schiaffi Meredith Gray, mi dia una mano”. Si dice che scrivere sia terapeutico no? Per cui, ecco i personaggi che, sin dalla più tenera età mi hanno insegnato che cosa significhi davvero l’espressione “mi sale il crimine”.

ALIAS – Sloane
Sloane rientra indubbiamente nella categoria “PdM autentici”. Il primo PdM di cui io abbia memoria. Mamma mia, quanto fiato ho sprecato cercando di mettere in guardia gli altri personaggi contro le sue ripetute malefatte. Quante volte ho rubato le parole a Russel Crowe (“Avrò la mia vendetta in questa vita o nell’altra!”) per minacciarlo dal divano. Ebbene, ci sono volute ben 5 stagioni per levarmelo di torno, ma alla fine ce l’ho fatta. Grazie a JJ Abrams per aver restaurato la mia pace mentale.

ALIAS – Lauren
Personaggi odiosi 2

Beh avrete capito che Alias è la mia serie preferita e avrete anche capito i vari problemi di gestione della rabbia (sempre, rigorosamente, dal divano) che ne sono derivati. Madonna Santa Lauren, quanto la odiavo. Arriva e sbam! Manda a monte la mia coppia preferita nel giro di 3 minuti. Sì, diciamocelo, il mio primo odio per Lauren non è stato perché era antipatica, perché era una gran gattamorta, o perché alla fine, non contenta, si rivela pure essere una doppiogiochista. Io odiavo Lauren perché MI AVEVA ROVINATO LA SHIP. Dite poco? Guardate Alias e poi ne riparliamo.  Con quella sua faccina da angioletto e quell’aria da santarellina, pensavo che non me la sarei mai levata di torno, il che ovviamente me la faceva odiare ancora di più… ma invece no! Le mie preghiere sono state esaudite, e la mia gioia al momento della sua tanto attesa dipartita (a suon di calci e pugni) non è seconda nemmeno a quella suscitatami da Jeoffrey.

GAME OF THRONES – Jeoffrey
Beh insomma, lui non poteva certo mancare. Non saprei nemmeno cos’altro dire se non che qui si che merita la sua corona.

LEGENDS OF TOMORROW – Rip Hunter
Rip Hunter
RIP HUNTER. Dio quanto lo detesto. Altro che articolo, potrei scrivere un libro su quanto odio Rip Hunter, un’opera, una trilogia con tanto di prequel. RIP HUNTER. L’inutilità fatta uomo. Allora, per chi non lo sapesse, Rip Hunter viene dal futuro, ma NON SI DIREBBE. Rip Hunter dovrebbe essere un “Time Master”, un maestro del tempo, peccato che viaggiare nel tempo è una delle cose che gli riescono peggio. Torna indietro nel tempo di 100 anni e passa e raduna un gruppetto di sconosciuti per cosa? Salvare la sua famiglia. Originale Rip, complimenti, ma ATTENZIONE: se un membro della sua squadra avanza anche solo l’idea di tornare indietro di un paio d’ore per salvare il fratello/padre/madre/zio, apriti Sesamo! Rip è sempre lì a ricordargli che NON BISOGNA interferire con la linea temporale, MAI, mi raccomando. Evidentemente la coerenza nel futuro è qualcosa che manca, non so. Rip è fisso nella mia mente come il personaggio che è riuscito a farmi odiare la pronuncia British, cosa che prima era musica per le mie orecchie. Niente che un rewatch di Sherlock non possa però sistemare, per fortuna.

ORANGE IS THE NEW BLACK – Piscatella
Piscatella

Pensavo che il titolo di “guardia più odiosa di Litchfield” spettasse di diritto a Pornstache (Mendez), ma chiaramente mi sbagliavo. Se qualcuno me l’avesse detto un anno fa gli avrei riso in faccia, ma l’arrivo del nuovo capo delle Guardie (che mannaggia a noi sembra essere di origini italiane) nella quarta stagione di Orange Is the New Black, mi ha fatto rimpiangere con nostalgia i bei tempi andati, quando era Mendez a farla da padrone per i corridoi di Litchfield. Perché Mendez era uno stronzo, ma Piscatella è cattivo. Mendez era anche un po’ stupido, mentre Piscatella è intelligente. È un mastino, un personaggio che non mi piace perché so che è più probabile che qualcuno come lui esista davvero. Aspettative per la prossima stagione? Non so, magari nel calice di Jeoffrey sono rimasti ancora un paio di sorsi, tentar non nuoce.

GIRLS – Hannah
Ok ok, qui andiamo più sull’insopportabile. A difesa di Hannah va detto che non è una PdM, non è cattiva né niente, non voglio che mangi e beva con Jeoffrey o che finisca menata come Laurel. Però, mamma mia, quanto mi fa venire i nervi. Probabilmente le cose di lei che a me fanno venire i nervi sono le stesse che ad altri la rendono simpatica, ma io non la sopporto. È egoista, è troppo irresoluta, piena di sé, è assurda. Detto ciò, tanto di cappello a Lena Dunham perché io continuo a guardare e adorare uno show di cui detesto la protagonista, il che non capita spesso. Probabilmente è colpa sua se Adam è diventato Kylo Ren, altrochè.

ARROW – Malcolm Merlin
Merlin fa parte della categoria “o li odi o li ami”. Posto che se lo ami, lo ami perché era in Torchwood, diciamoci la verità. Probabilmente perché adoro Thea e lui insomma, non è proprio il padre dell’anno, Merlin mi è sempre stato abbondantemente sulle scatole. Sempre la stessa solfa: è buono, poi è cattivo, poi è buono, poi ci ripensa ed è cattivo e così via. Dopo un paio di stagioni, ho deciso che non si può condonargli sempre le scemate che fa dicendo semplicemente che “è un personaggio complesso”.. è un cattivo e basta. Merlin sceglie sempre il potere e agisce solo nel proprio interesse… il fatto che occasionalmente questo coincida con quello degli altri, non fa di lui un personaggio migliore. Quindi che dire, schiaffi anche per lui.

ONE TREE HILL – Dan Scott
Un altro che me ne ha fatte passare di cotte e di crude. La faceva franca tutte le volte ed erano sempre quei due poveri cristi dei suoi figli a rimetterci. Poi, finalmente, giustizia divina, anche se un po’ in ritardo. Adoravo le scene in cui Nathan andava a trovarlo in quella sua tavola calda, bruttarella e sempre, rigorosamente vuota. Che soddisfazione.

OUTLANDER – Jack Randall
Randall

L’ultimo posto per il peggiore di tutti (si, persino più di Sloane e di Jeoffrey, che a confronto sono agnellini). Randall è il cattivo di Outlander, il sadico e crudele capitano dell’esercito inglese negli anni dell’occupazione in Scozia. Mi fa più paura di tutti gli altri, perché so che probabilmente è esistito qualcuno esattamente come lui. Probabilmente se il Piscatella di OITNB fosse vissuto nel 1600 sarebbe andato molto d’accordo con Randall.

BONUS: GREY’S ANATOMY – Meredith Grey
Per la verità a me Meredith piace. Almeno, mi piace circa l’80% delle volte, ma le altre gliele condono perché alla fine nessuno può essere adorabile per 12 stagioni filate. (A parte la Bailey, ma la Bailey è Dio). Per cui non rientra nella mia lista, ma ho pensato di mettervela qui, visto che so che metà degli amanti di Grey’s vorrebbero prenderla a male parole.

Beh, devo dire che è stato davvero liberatorio, dovrei farlo più spesso. Togliersi i sassolini dalla scarpa sulla carta è così facile… specialmente perché trattandosi di personaggi immaginari, non vedo in che altro modo risolvere la questione! E voi? Quali sono i personaggi che vi fanno venire di più i nervi? Potremmo fare una cosa tipo Alcolisti Anonimi: “Ciao, sono Matilde e odio…”

Studentessa innamorata del cinema e ormai dipendente da serie tv. Scrivo perché anche altri se ne innamorino e perché così ho una scusa in più per parlarne. Se mi leggete e trovate una bella frase, è molto probabile che io l'abbia rubata ad un film.. Ma francamente cari, me ne infischio..Nessuno è perfetto! (Ecco, l'ho rifatto lo sapevo).