Esami o serie tv? L'eterno dilemma delle SERIE DA SESSIONE

Esami o serie tv? L’eterno dilemma delle SERIE DA SESSIONE

L’estate è sopravvalutata. Quando ci si riferisce ai tre mesi di cosiddetta “bella stagione” sembra sempre che siano destinati a durare il doppio. La realtà di cui nessuno sembra voler parlare è che tre mesi sono pochi e tra lavoro e sessioni di esami il tempo utile si riduce a poco meno di un mese. Come se non bastasse, anche la vita da spettatore vuole la sua parte e per dedicarsi ai recuperoni delle serie trascurate durante l’anno e le novità in uscita, serve tempo che non c’è. Quella che segue è una lista dei titoli che attendo con maggiore ansia e chissà che, scrivendola, io non dia una mano anche a voi a organizzare l’estate imminente.

Fargo 
La serie antologica ideata da Noah Hawley e ambientata nell’universo creato dai fratelli Coen giunge alla sua terza stagione. Dopo aver investigato gli avvenimenti successivi e anteriori alle vicende raccontate nell’omonimo film del 1996, quest’anno vedremo un doppio Ewan McGregor nei panni di due gemelli agli antipodi mossi dal rancore e dal rimorso. Ritroviamo immutati invece i candidi paesaggi che si oppongono ai toni da commedia nerissima e che costituiscono, insieme alle stupefacenti interpretazioni dei protagonisti, il tratto caratteristico dell’universo Fargo. FX trasmetterà la serie a partire dal 19 aprile mentre noi italiani dovremo aspettare i primi di maggio.

fargo-season-3-images-ewan-mcgregor-1-600x401

American Gods
American Gods è uno dei prodotti più attesi a livello internazionale. Tratta dal romanzo di Neil Gaiman, la serie racconterà la storia di un ex galeotto che si troverà, suo malgrado, coinvolto nella furiosa lotta tra divinità antiche e moderne. Ancora molto è avvolto nel mistero, ma le premesse per un prodotto memorabile ci sono tutte, dal nome di Bryan Fuller come produttore, al cast in cui compaiono Ian McShane (Pirati dei Caraibi, I pilastri della terra) e Kristin Chenoweth (Glee, Descendants). Per scoprire se le speranze saranno state ben riposte, basta aspettare il 30 aprile quando il primo episodio andrà in onda sulla rete americana Starz, mentre in Italia sarà distribuito da Amazon.

American-Gods-Poster-Featured-03272017

Unbreakable Kimmy Schmidt
Quando si parla di comedy, la serie creata da Tina Fey è tra i primi che mi vengono alla mente. Il 19 maggio Netflix rilascerà i 13 episodi della serie che vede protagonista la ventinovenne Kimmy Schmidt alla scoperta di New York e del mondo dopo quindici anni trascorsi in un bunker sotterraneo. Ellie Kemper è sempre radiosa e porta anche noi spettatori a vedere con occhi nuovi le situazioni e i sentimenti che viviamo tutti i giorni. Accanto a lei, Tituss Burgess, alla ricerca anche quest’anno di un Emmy che sarebbe già dovuto essere suo.

kimmy-schmidt-titus

Twin Peaks
Ed eccoci allo show più atteso degli ultimi 25 anni. Laura Palmer ha fatto la promessa e David Lynch l’ha mantenuta: la serie sui segreti e le bugie della piccola cittadina dello stato di Washington tornerà a inquietare pubblico vecchio e nuovo a partire dal 21 maggio. Poco o nulla è stato rivelato sui nuovi episodi, si conoscono solo alcune aggiunte eccellenti al cast tra cui spiccano Naomi Watts (Mulholland Drive) e Laura Dern (Velluto Blu, Cuore selvaggio). Lynch ha confermato che sua sarà la regia dell’intera stagione e ha curato tutta la sceneggiatura insieme al co-creatore Mark Frost mentre il reparto musicale sarà ancora una volta affidato alle oniriche ed ironiche musiche di Angelo Badalamenti. I primi due episodi verranno proiettati in anteprima mondiale al festival di Cannes per poi raggiungere le case statunitensi sull’emittente Showtime e in contemporanea quelle italiane grazie a Sky Atlantic.

141997407574-1-e1426425004494

House of Cards
Dopo una quarta stagione ritenuta da molti la più debole (e io mi permetto di dissentire), Frank e Claire Underwood torneranno a graziare gli occhi degli utenti Netflix a partire dal 30 maggio. Con il fuoco che si sposta sempre più dal pubblico al privato per giungere allo scontro delle due sfere, dovremo forse aspettarci una quinta stagione sotto il segno della guerra e ancora nell’incertezza delle elezioni presidenziali. La verità è che Kevin Spacey e Robin Wright potrebbero parlare per un’ora di tacchino arrosto e io mi perderei comunque negli sguardi che rivolgono verso di me.

HoCs4

Orange Is the New Black
Quello della quarta stagione di Orange Is the New Black è stato uno dei finali più intensi dello scorso anno: la situazione a Litchfield è sfuggita di mano, ma potrebbe decisamente peggiorare. E se non bastasse da solo il cliffhanger, alcune indiscrezioni hanno rivelato che i 13 episodi in onda dal 9 giugno su Netflix copriranno un arco temporale totale di 3-4 giorni. È lecito aspettarsi quindi una situazione di stallo ad altissima tensione, decisamente lontana dai toni più leggeri delle prime stagioni.

Orange Is The New Black S4

Ebbene, queste sono le serie che costituiranno un ostacolo non indifferente per lo studio mio e di altri universitari e maturandi. E pensare, che quasi mi dispiaceva dover aspettare fino al 16 luglio per Game of Thrones.

La vita è breve, l'arte è lunga, la letteratura necessaria, il cinema indispensabile, il teatro vitale e anche oggi sono indietro con le mie serie TV.