Sex & the Angry: I 10 punti per capire se il tuo ragazzo è gay

Sex & the Angry: I 10 punti per capire se il tuo ragazzo è gay

Per molti/e essere lasciati perché il tuo/la tua partner è omosessuale è un dramma. “Ha capito di essere gay stando con me?”. Io non l’ho mai considerata la cosa peggiore: meglio essere tradito e lasciato perché ami le donne che per un altro ragazzo. Alla fine penso e SO che l’omosessualità non è una scelta: ci si nasce gay. Quindi se un uomo viene lasciato per una donna o una donna viene piantata per un uomo non sei TU a non piacere: è la natura. Senza virgolette perché l’omosessualità è naturale: nel vero senso della parola poiché la riscontriamo anche negli animali. E secondo me nelle piante perché non credo che esistano orchidee eterosessuali. Se la storia finisce perché il/la partner è omosessuale, è difficile. Ma non è colpa tua. Ciò che porta qualcuno a capire di essere omosessuale è un percorso tortuoso. In una società più libera, ugualitaria e aperta probabilmente sarebbe meno traumatico dover dire ad amici e familiari la verità.

Ora, dato che abbiamo chiarito le posizioni serie sulla faccenda, possiamo scherzare. E in particolare… come capire se stai con un ragazzo gay?

1. LUI E LE DONNE
La paura vera è quando ti tradisce con la tua migliore amica. Nel caso di un ragazzo gay non ancora dichiarato però puoi stare tranquilla: è il miglior amico delle tue amiche. Ama spettegolare con loro e su di loro. Non fa apprezzamenti sulle tue amiche (o sulle donne in generale) a fini sessuali. Il massimo? Al mare ti dice guardando una donna: “Amore ma quella scusa? Guarda quanta cellulite!”

2. IN FAMIGLIA
Piace da morire a tua mamma: le ha consigliato lui le tendine della cucina. Quelle coi fiori. Sì, perché lui le ha viste all’Ikea e le adooooora (in farsetto e con mille “o”). Inoltre guarda i programmi preferiti di tua madre: C’è posta per Te, Uomini e Donne, Forum, Tale e Quale. Tuo padre? Tuo padre non dice nulla, non parla con lui di automobili o di calcio e non sembra che il tuo ragazzo gli piaccia. Perché tuo padre sa che lui è gay. Tranquilla, non fuggirà con tua sorella: si vedono raramente perché vanno dallo stesso parrucchiere.

3. IL SESSO
Fate sesso, non tantissimo e non da animali: lui vuole le coccole. Dopo il sesso si lava sempre e poi dopo resta attaccato a te, che lo prendi tra le tue braccia: TU sei Superman, lui è Lois Lane. Posizione preferita nel fare l’amore? Lo sapete. Non fatemelo dire. Ok: anale. E non ti guarda in faccia, è anale detto scientificamente “ad pecorinam” (il latino è inventato). Non ama inoltre particolarmente praticarti sesso orale: non la mangia, gli rimane indigesta, stellina. E’ vaginofobico. Un poco.

4. LE SUE FANTASIE
State insieme da anni? Avrete parlato delle vostre fantasie erotiche. La tua è finire in una “vera orgia africana” (citazione della compianta Brittany Murphy in Sin City). La sua? Pure! Scherzi a parte non è così esplicito. Però magari vuole farlo in tre: tu, lui e un suo/tuo amico. E i porno che guarda hanno sempre per protagonisti anche dei maschi. Mai film porno con lesbiche polacche, ma con energumeni dotati di enormi… bicipiti.

5. SHOPPING
Per i saldi sei in fibrillazione! Lui pure. Lui va da solo a fare shopping però quando tu vai lui viene con te. Grazie a Dio perché senza di lui non avresti mai capito che la fantasia su quella gonna che volevi comprare è “OUT”. A volte vai con lui ma ti annoi anche perché si mette a piangere se non entra nei pantaloni.

luigay3

Era vestito così al matrimonio di tuo cugino?

6. I REGALI
Sono perfetti: ti ha comprato quella borsa anche se non ne avevate mai parlato. Era inevitabile, si abbina troppo a quelle decolté che hai comprato tre mesi fa! E poi era un affarone! Se invece gli indichi qualcosa che ti piace lui ti da due opzioni: A) Non te la compra perché fuori moda/ti ingrassa/non si abbina al suo carlino. B) te la compra, ci riesce ad azzeccare senza che tu gli dica il negozio, la marca, il colore del vestito/anello/accessorio: vive tra i negozi e sa tutto delle marche-saldi-commesse. Sono le sue migliori amiche. Dopo le tue amiche e tua madre.

7. CURA DI SÉ
Uscite la sera. Lui ci mette più di te a prepararsi. Si deve pettinare (piastra), sistemarsi le sopracciglia (ad ali di gabbiano) e deve scegliere i pantaloni giusti. (“Fa che non siano quelli in cui si sente grasso” pensi “sennò piange”). Non ha un pelo sul corpo: è così depilato che quasi invidi le sue sopracciglia, cit. Baby K, “Il tuo boy è preso male”. Il punto in cui non capisci perché si depili? Il sedere. Perché lo farà?

8. SPORT
Lui fa sport! Ah! Si eccita di più se parli di Outlet invece che di stadio ma lui fa sport! Va in palestra e fa calcio. Solo che non ti parla mai degli esercizi che fa o del punteggio della partita: sai però le dimensioni dei peni degli amici/compagni di squadra. Forse non sta in panchina: sta solo negli spogliatoi.

Le  sue amate sopracciglia!

Le sue amate sopracciglia!

9. CULTURA, MUSICA, CINEMA: RAFFAELLA È MIA!
Ti piace stare in casa con lui, sul divano a guardare film. Non è fissato quanto te con gli zombie, però. Tra morti che camminano lui ama Samantha, Carrie & co., le ottuagenarie di Sex and The City. E sa almeno una canzone di Paola e Chiara a memoria. Ama Raffaella, Britney Spears (non perché se la farebbe ma perché a Carnevale si è vestito da lei), Liz Taylor. Ma anche cantanti uomini! Come Ricky Martin e Tiziano Ferro.

10. LAVORO
I vantaggi a stare con un uomo d’affari sono tanti. Ma lui è un’artista! È parrucchiere. Stilista. Wedding Planner. Non paghi le meches, i vestiti o il matrimonio di tua sorella. (Lui rimanda lo sposarsi…).

Se ha almeno 5 di queste caratteristiche il tuo uomo è gay. O forse no: nella mia vita ho conosciuto gay a cui piace davvero il calcio, che non sanno vestirsi, che odiano Britney ma preferiscono i Metallica. Perché nella nostra società non si riesce forse a esprimere la propria omosessualità: ma nemmeno si può apparire meno virili. Non ti piace di meno la vagina se balli il “Tuca, Tuca”. Se però fai sesso con gli uomini sei gay. Un poco.

(Ma anche se hai 5 dei nostri punti).