La Posta di Sex & the Angry: "Se preferisce i suoi amici a me?"

La Posta di Sex & the Angry: “Se preferisce i suoi amici a me?”

Cari S&tA,
Sto con un ragazzo da alcuni mesi. Quando siamo io e lui da soli le cose vanno bene. Più o meno: perché non sempre riusciamo a stare insieme. Lui preferisce i suoi amici. Cena io e lui o discoteca con gli amici? Amici. Vacanze con me o con gli amici? Amici. Abbiamo 20 anni e non voglio che mi sposi. Ma che mi consideri di più!

Questo è un problema più che comune, è un “classico” Disney praticamente: “Pocahontas prova a uscire con John Smith ma lui va con gli amici a bere una birra. Era il loro terzo anniversario”. Classico.

Diciamo qualcosa che sin da subito deve essere chiaro: non si deve mai chiedere a qualcuno di scegliere tra gli amici e l’amore. Non si deve mai porre la questione come un out-out e io, personalmente, trovo strani/inquietanti coloro che non hanno amici. Non voglio essere il tuo mondo. Se sei tutto per una persona non sei più UNA persona: sei un noi in cui l’individualità è soppressa. Penso ai nostri bisogni e mai ai miei.

Detto questo, la domanda sorge però spontanea: se entrambi abbiamo degli amici, io non sono qui che ti assillo o ti chiedo di scegliere tra loro e me in ogni momento, o di tagliarli fuori dalla tua vita (come mi pare di capire sia il caso qui), quale è il tuo cavolo di problema? Perché non ti viene naturale trascorrere più tempo con me?

Maria Antonietta, Regina di Francia, moglie del Re Luigi XVI, venne accusata spesso di avere come amanti alcune donne come la Duchessa di Polignac o la Principessa di Lamballe. Era una menzogna: la Regina aveva un marito che forse, a suo modo, amava, ma che fondamentalmente le era stato scelto e con cui non aveva molto in comune. Cercava l’affetto, senza sesso, in persone che lei sceglieva, non per motivi sessuali ma perché più compatibili con lei.

Nel 2016, grazie al cielo i matrimoni combinati e le storie imposte non sono più la norma, quindi chi ti obbliga a stare con qualcuno e a cercare negli amici ciò che emotivamente non trovi nella persona con cui stai? Ok, è innegabile che il rapporto con gli amici sia diverso da quello che c’è con la persona amata, confidenza ed intimità tra amici esistono ed è giusto così, ma è innaturale che venga data la priorità a queste piuttosto che al trascorrere del tempo con la propria dolce metà, soprattutto all’inizio di una storia. Quindi, a mio parere, l’unica cosa da fare è sottoporre il discorso seguente al ragazzo poco presente, con tutta la pacatezza, la sincerità e l’onestà intellettuale di cui si è capaci: “Nessuno ti obbliga a stare con me. Preferisci stare con gli amici? Stai con loro. Cerca qualcuno con cui tu voglia veramente stare perché quando passiamo del tempo insieme è solo perché ti senti obbligato, allora non hai capito cosa significhi stare con qualcuno. Se sei fidanzato perché è uno status sociale obbligatorio non dovresti esserlo. Un fidanzato o una fidanzata non sono iPhone, non sono Ferrari, non sono le sigarette che tutti fumano a 16 anni e che devi provare. Se non sei pronto… vai a bere una birra con gli amici”. E vedi che ti risponde…

Se avete anche voi delle domande che vi tormentano, noi siamo qui! Ci trovate su Facebook oppure scriveteci all’indirizzo sex.and.the.angry@hotmail.com