Unconventional Xmas: 10 canzoni natalizie fuori dagli schemi

Unconventional Xmas: 10 canzoni natalizie fuori dagli schemi

Ci siamo. È arrivato quel periodo dell’anno, in Mediaset stanno già preparando “Una poltrona per due” in VHS per la prima serata del 24 dicembre, e siamo tutti preda della frenesia da shopping natalizio (forse non proprio tutti, ma tant’è..).
Certo le tradizioni sono importanti, guai a chi tocca il presepe, ma forse ci possiamo permettere di proporre una classifica di 10 canzoni (in ordine più o meno casuale) che rompa la monotonia delle classiche Christmas songs.
Quindi bando alle ciance ed eccovi la classifica delle canzoni più anticonvenzionali legate al Natale che mi sono venute in mente.

Attenzione la classifica che segue non utilizza i seguenti ingredienti:

  • Jingle bells
  • Michael Bublé
  • Wham e  video anni 80 in stile volemosse bene
  • ma soprattutto è totalmente  Mariah Carrey -alliwantforchristmassisyou –  FREE

1) The Killers – Don’t Shoot Me Santa
La prima canzone a cui ho pensato quando ho deciso di stilare questa classifica, dato che ne incarna perfettamente lo spirito:
video ambientato in mezzo a un deserto che sembra uscita dritto dritto da Breaking Bad, il protagonista è un Babbo Natale lurido e psicopatico che danza in stile Mr. Blonde ne Le Iene di Tarantino davanti ad un Brandon Flowers legato ad una sedia con dei festoni natalizi. Insomma, c’è altro da aggiungere ?

2) The Sonics (covered by Pearl Jam) – Don’t believe in Christmas
Una bella canzone anti-Natale, originariamente incisa dai The Sonics nel 1965, ma che vi propongo in una versione dei Pearl Jam un po’ più recente e di grande effetto.

Don’t believe in christmas, cause i didn’t get nothing last year”.

3) The Darkness – Christmas Time (Don’t Let The Bells End)
Talmente assurda, da diventare a suo modo un classico. Quando i the Darkness comparvero dal nulla e si imposero nelle classifiche musicali a metà anni 2000, l’impressione era quella che fossero usciti direttamente da un’altra epoca.
Hanno fatto dell’eccesso una bandiera, e in questo video la sventolano con orgoglio, godetevi dunque:
assoloni di chitarra, coro di bambini, pantaloni di pelle al limite della decenza,  e molto altro ancora.

4) Run The Jewels – A Christmas F*cking Miracle
Quanto di più lontano si possa pensare dai buoni sentimenti in stile natalizio, e se ancora state sperando di trovare in classifica una qualche cover di Jingle Bells, questa canzone dovrebbe aiutarvi a  mettere l’animo in pace.

5) Francesco De Gregori – L’Uccisione di Babbo Natale
Canzone davvero strana, dal testo particolarmente ermetico che fa pensare ad un bad tripda acido.
In effetti  i protagonisti del pezzo: “il figlio del figlio dei fiori” e “Dolly del mare profondo figlia di minatori” ad un certo punto del racconto di De Gregori “si dividono il fungo”, che a me qualche dubbio sull’uso di sostanze  psicotrope lo lascia..
Dopodiché “il figlio del figlio dei fiori” decide di far fuori il buon vecchio Babbo Natale con un coltello e un bastone.
Via libera ad ogni possibile interpretazione in chiave mistica.

6) Sinfonico Honolulu – Natale
Il gruppo toscano fa dell’uso (quasi) esclusivo dell’ukulele il suo tratto distintivo, dopo aver girato mezza Italia proponendo cover di grandi pezzi riarrangiate per un’orchestra di soli ukulele, ha rilasciato nel 2015 il primo dove non figurano solo cover ma anche pezzi inediti.
Il Sorpasso, questo il nome dell’album, conta 12 tracce, di cui l’ultima è proprio “Natale”, che chiude il disco così come Dicembre chiude l’anno solare.

7) Pearl Jam – Let Me Sleep (it’s Christmas Time)
La canzone fu registrata come regalo di natale per il fan club dei Pearl Jam nel 1991 e per quanto si tratti di un brano molto semplice, solo chitarra e voce, con un testo abbastanza breve, in realtà nasconde un’intensità notevole, come spesso accade con ciò che Eddie Vedder scrive.
Il Natale visto attraverso gli occhi e le sensazioni di un homeless, una persona senza dimora costretta a vivere per strada, che ricorda come il periodo natalizio fosse felice quando era bambino. Mentre ora, svanita la magia, rimane solo il freddo e il protagonista sembra quasi voler sprofondare in un sonno che cancelli il presente.

“Thought you burned not froze for your sins
Oh I’m so tired and cold
Oh when I was a kid oh how magic it seemed
Oh please let me sleep it’s Christmas time”

Ve la propongo in una versione splendida eseguita all’arena di Verona nel 2006, in un momento di pausa durante le prove per il concerto.

8) AC/DC – Mistress for Christmas
Beh non c’è molto da dire, gli AC/DC sono gli AC/DC, il pezzo rispetta tutti i canoni del loro sound inconfondibile, con la tipica irriverenza dei loro testi :
Get a date with the woman in red, wanna be in heaven with three in a bed“.

Ma soprattutto:
I can hear you coming down my snow stick 
I wanna ride on your reindeer, honey, and ring the bells”

Servono spiegazioni ?

9) Sufjan Stevens – Christmas Unicorn
Uno dei musicisti indie più famosi e perciò sempre ben attento a tenersi lontano dal grande pubblico mainstream, qui ci delizia con 12 minuti di canzone su un unicorno natalizio.
Sufjan Stevens nella sua vasta produzione decennale ha all’attivo almeno un paio di dischi di canzoni natalizie, ma ripeto questa parla di un unicorno di natale, volete davvero perdervela ? Forza trovate 12 minuti di tempo!

10) The Killers – Dirt Sledding
Questa l’ho scelta per chiudere il cerchio, idealmente è la prosecuzione di Don’t Shoot Me Santa di cui vi ho parlato al numero 1).
Lo stesso babbo natale sudicio e inquietante, la stessa marionetta di Brandon Flowers sotterrata nel deserto, la storia sconclusionata riparte nel 2015 da dove l’avevamo lasciata nel 2007, testimoniandoci come i The Killers amino il Natale ma non le banalità.

Bonus track) The Cave Singers – Christmas Night
Simpatico gruppo folk a cui sono particolarmente affezionato, sono quasi sconosciuti in Europa, ma possono contare su un discreto seguito negli States, e fondamentalmente se ne fregano e continuano a fare dischi.
L’ultimo dei quali è stato annunciato per febbraio 2016, anticipato da qualche brano in anteprima, tra cui Christmas Night; potevo non inserirli?
In realtà sì, ma sticazzi a me piacciono, quindi ascoltateli!

Fatevi un regalo e prendetevi del tempo per ascoltare tutte e 10 (11) le canzoni, e Buon Natale!

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta sul blog MCE – Musica che mi esalta di Ricky Radaelli. 

Archeologo, aspirante suonatore di ukulele, ma soprattutto grande appassionato di musica